"NEGARE IL FENOMENO UFO"

IN ALCUNI PAESI LA RICERCA UFOLOGICA È SVOLTA DALLO STATO. E IN SVIZZERA?

 

 

di Candida Mammoliti, presidente CUSI

 

 

Ci si può chiedere, quale importanza abbia il fenomeno UFO nella nostra società moderna, alle prese quotidianamente con i valori e le conquiste che ci vengono proposti, sia dal mondo mass-mediatico, che da quello culturale e scientifico.

 

In un insieme di aspetti prettamente materialistici, valorizzati dalle strutture di potere, quali la finanza e la politica, le realtà essenziali che emergono da decenni tra di noi e che hanno una matrice profondamente diversa, inspiegabile, non umana, sotto molti aspetti spirituale ed innovativa, vengono sistematicamente “scavalcate dalle più importanti fonti d’informazione ufficiali, oppure proposte al pubblico durante programmi radiofonici e televisivi, spesso gestiti da persone incompetenti, dove l’insieme della realtà ufologica viene distorto e le poche persone preparate, che vengono invitate a questi eventi mass-mediatici, servono semplicemente da contorno, o ancor peggio, per fare audience” in un contradditorio, che poco si distingue dai litigi di mercato e delle partite di calcio, aggiungendo confusione a quella già esistente nel pubblico, seguendo perfettamente il concetto dei vecchi romani “dividi et impera.

 

Parallelamente, le vicissitudini di matrice ufologica, in senso non terrestre, continuano a moltiplicarsi. Numerose sono le segnalazioni su tutto il nostro pianeta, siamo nell’ordine di alcuni milioni di avvistamenti non spiegabili, di cui il MUFON (Mutual UFO Network), una delle più grandi organizzazioni mondiali preposte alla ricerca e all’indagine ufologica, ne ha catalogato “solo ca. 200'000 HYPERLINK "http://www.mufon.com/" http://www.mufon.com/.

 

La situazione in Svizzera non è diversa in merito ai fatti ufologici. Nessun tentativo di ufficializzare tale ricerca, nonostante le richieste avanzate in questo senso dal CUSI, unico centro d’indagine ufologica in Svizzera, che deve proseguire il suo cammino nell’ufficiosità e senza alcun supporto economico. Numerosi gli avvistamenti UFO in Ticino, segnalati al nostro centro dai testimoni ancora troppo titubanti, insicuri, timorosi di essere isolati o fraintesi in un ambito, dove l’omertà, la disinformazione, il mutismo politico, vincolato dalla propria immagine elettorale”, nonché una buona dose di ignoranza e presunzione continuano a condizionare la società in cui viviamo HYPERLINK "http://web.ticino.com/cusi/" http://web.ticino.com/cusi/,

 

Dagli studi condotti in paesi come la Francia, il Messico, il Brasile, il Cile e l’Argentina per esempio, dove la ricerca ufologica è da anni ufficializzata ed avviene a livello statale, vedi per la Francia HYPERLINK "http://www.geipan.fr/" http://www.geipan.fr/, per il Messico HYPERLINK "http://www.youtube.com/watch?v=hIJ-WWxoZzA" http://www.youtube.com/watch?v=hIJ-WWxoZzA,  emergono dei dati ben concreti sulla realtà extraterrestre presente sul nostro pianeta, sia a livello tecnologico, nel senso di presenza di mezzi di volo di matrice non umana, sia a livello di interferenze mentali e spirituali nella nostra natura antropologica, mirate ad interagire con le nostre sfaccettature naturali non solo fisiche, ben anche più sottili, energetiche e psichiche. Un ricercatore noto a livello internazionale e Derrel Sims, che da oltre tre decenni conduce a Houston (Texas), insieme ad alcuni medici chirurghi, un laboratorio, dove analizzano in profondità i casi di abductions”, ovvero rapimenti alieni. Non di rado, durante l’indagine sulle persone rapite, vi è un’esportazione chirurgica di misteriosi impianti”, composti da materiali sconosciuti, dai loro corpi   HYPERLINK "http://www.alienhunter.org/" http://www.alienhunter.org/, una questione complessa, che dura da decenni.

 

Tutti noi abbiamo sentito parlare in una situazione o nell’altra dei cerchi nel grano. Anche sui campi di grano o di cereali, prevalentemente inglesi, le strutture simboliche si sono manifestate con maggior splendore negli ultimi tempi, raffigurando stupende simbologie Maya che esortano alla presa di coscienza del grande cambiamento evolutivo, in cui siamo già immersi, e che con favolosi disegni, parlo ovviamente delle vere formazioni, tentano di indicarci avvenimenti epocali ed il cammino interiore da intraprendere per poterli affrontare, come per esempio il distacco obiettivo da un consumismo frenetico e schiavizzante, che serve ad arricchire pochi, tenendoci sottomessi, in un sistema che non ha mai voluto il nostro risveglio interiore, la comprensione della nostra stessa identità e del senso delle nostre vite. Ecco un link consigliabile, soprattutto le dichiarazioni in youtube dell’avvocato inglese Gary King.

HYPERLINK "http://ilnavigatorecurioso.myblog.it/archive/2012/04/10/cerchi-nel-grano-e-profezie-maya-un-incredibile-connessione.html" http://ilnavigatorecurioso.myblog.it/archive/2012/04/10/cerchi-nel-grano-e-profezie-maya-un-incredibile-connessione.html

 

 

Il biofisico e Premio Nobel austriaco Dieter Broers, come altri fisici, sostiene da tempo che la nostra vera indole è universale ed immateriale e che la materia, analizzandola in profondo, si dissolve in onde ed oscillazioni, vedi intervista a Dieter Broers” home page HYPERLINK "http://web.ticino.com/cusi/" http://web.ticino.com/cusi/

 

 

Si possono fare discussioni più o meno intelligenti sui calcoli dei Maya, sulle loro profezie (non solo sulle loro), sulle iperattività solari, che avvengono in particolar modo questanno e avverranno maggiormente nella prima parte dell’anno prossimo, come relativizza la NASA. Ma un fatto è certo, il nostro cambiamento è necessario, in noi e nella nostra società, pervasa dalla violenza e dalla menzogna, dove tutti dicono tutto ed il contrario di tutto, dove si è perso l’orientamento ed i nostri veri valori umani, mercificando noi stessi, ubriachi nellillusione materiale. Troviamo il nostro miglior senso di essere nell’equilibrio tra mondo fisico ed interiore. Lo testimonia la nostra realtà quotidiana, quanto sia importante questo equilibrio. In sostanza siamo esseri interiori. Ogni mattina, quando ci alziamo, agiamo in base agli impulsi del nostro inconscio, ai nostri intenti, sentimenti e pensieri, che spesso, soprattutto gli ultimi, sono quelli di altri, troppo facilmente resi nostri.

 Candida Mammoliti

 

Su Goodlyswiss giugno 2012

 

cusi@ticino.com

 

 

 

 

 

 

UFO Meier 8 marzo 1975
UFO Meier 8 marzo 1975

CHI LOTTA PER INFORMARE LA GENTE COMUNE SUGLI UFO

AVRÀ INFINE MERITATA VITTORIA 


 

UFOLOGIA, OVVERO LA RICERCA RIFERITA AGLI OGGETTI VOLANTI NON IDENTIFICATI E FENOMENI ANNESSI

 

Di Candida Mammoliti

presidente del Centro Ufologico della Svizzera Italiana


Una realtà e un campo di ricerca indubbiamente fraintesi, quelli dell‘ufologia. Questo è soprattutto dovuto alla disinformazione e al cover-up, cioè all‘insabbiamento dell‘informazione ufologica, che da oltre cinquant‘anni influenza tramite i mass-media l‘opinione pubblica, dato che l‘ufologia sin dai suoi albori è stata intrappolata in macchinazioni di genere politico-militare.

 

La moderna ufologia nasce nel mese di giugno del 1947 negli Stati Uniti dopo l‘avvistamento oramai storico del pilota americano Kenneth Arnold.


Egli stava sorvolando i monti Rainier nello Stato di Washington, quando all‘improvviso scorse nove oggetti luminosi di forma appiattita, discoidale che volavano in formazione, disposti a gradini accanto a lui, senza provocare alcun rumore. Kenneth ebbe modo di osservarli per alcuni secondi, dopodichè i misteriori oggetti scomparvero alla sua vista allontanandosi a velocità elevatissima. Certo di quello che aveva visto, da pilota professionista diede informazione ad un suo amico giornalista abitante a Pendleton nello Stato di Oregon che pubblicò un articolo sul giornale "East Oregonian“, definendo gli oggetti avvistati da Kenneth "flying saucers“, cioè "piatti volanti“.

Seguirono a valanga numerose altre segnalazioni di avvistamenti analoghi e da quel giorno la stampa di tutto il mondo ha preso ad occuparsi dello sconcertante fenomeno che riguardava l‘avvistamento di oggetti misteriosi volanti di forma discoidale, sferoidale, cilindrica o triangolare.

Tanto che iniziò ad occuparsene l‘USAF (United States Air Force), l‘Aeronautica Militare Statunitense, denominando gli strani oggetti: UFO (Unidentified Flying Object), dunque oggetti volanti non identificati. Dal 1947 ad oggi, come è noto in ufologia, i vari organi d‘informazione hanno segnalato, in varie ondate o "flaps“, decine di migliaia di avvistamenti ed anche atterraggi documentati di UFOs. Negli USA, l‘Aeronautica Militare Americana, ha studiato il fenomeno sin dal 1947, dapprima attraverso gli appositi "Project Sign“ e "Project Grudge“, per costituire successivamente il "Project Blue Book“, che ha affrontato il problema UFO in termini più concreti. È dal 1953, come fanno testo i verbali inizialmente segreti della commissione Robertson, nata nell‘inquietudine del momento per analizzare le numerosissime segnalazioni UFO registrate a quei tempi, che si inserì la CIA (Central Intelligence Agency), il servizio segreto statunitense, ed è ancor oggi organo di manipolazione delle informazioni ufologiche, anche se, detto francamente, con molte fughe dai loro uffici.

 

Comunque le questione ufologica non venne ritenuta un problema di sicurezza nazionale e gli oltre 10'000 casi di avvistamenti, tra cui ben 700 risultavano essere non convenzionali, quindi non spiegabili in termini scientifici, registrati nel "Project Blue Book“, vennero accantonati ed il "Project Blue Book“ archiviato.

 

Dei fenomeni ufologici si interessò anch il KGB russo. Nei primi anni Novanta alcuni autorevoli quotidiani dell‘ex-URSS pubblicarono articoli riguardanti sensazionali scoperte scientifiche sovietiche. Durante un sondaggio laser dell‘atmosfera, effettuato da un aereo IL-14, gli scienziati siberiani (Istituto di Ottica, sezione Siberia dell‘Accademia di Scienze Sovietica) osservarono uno strano fenomeno. Come riportato da L. Levitsky del quotidiano "Izvestiya“, il velivolo sembrava immergersi nelle nuvole, ma il cielo era terso e azzurro, il sole era caldo. Non credevano ai loro occhi. Gli strumenti di registrazione dati atmosferici (umidità e temperatura, tipiche quando si è in prossimità o all‘interno di una nuvola) restarono muti, quindi non si trattava affatto di una nuvola. Il KGB russo si è occupato di molti rapporti speciali riferiti al fenomeno UFO, come per esempio a quelli provenienti dalla zona di Kamchatka, tra il 1987 e il 1988. Alcuni oggetti non identificati sorvolarono l‘area super riservata di Kura, un campo di addestramento al combattimento. Si trattava di piccole sfere, la cui tonalità mutava dal rosso al bianco. Militari che riferirono il fatto al KGB, fecero notare che la presenza degli oggetti perdurò per quasi tre minuti. Apparvero mentre si stavano collaudando alcuni "articoli pesanti“, probabilmente missili sperimentali, ma si trattava di oggetti che non presentavano le caratteristiche degli ordigni convenzionali.

 

Altrettanto lo Stato Maggiore dell‘Aeronautica Militare Italiana si organizzò a partire dal 1979 per seguire in termini sistematici il fenomeno UFO, fino ad allora oggetto di cura da parte del SIOS (Servizio Informazioni Operativo e Situazione) dell‘Aeronautica Militare, in caso di intercettazione in volo, rilevamenti radar e "atteraggi fuori aeroporto“.

Difficile da valutare in termini concretti, ma le segnalazioni UFO registrate dai piloti italiani potrebbero essere di diverse migliaia.

 

Possiamo essere certi, che negli ultimi cinquant‘anni ogni nazione si è occupata a livello ufficioso del fenomeno UFO. In Francia però esiste dal 1977 un ente governativo per lo studio dei fenomeni ufologici. L‘ex GEPAN, denominato in seguito SEPRA (Service d‘Expertises de Phènomène des Rentrées Atmosphérique),ed ora GEIPAN, è un ente ufficiale che si occupa degli UFO ed è parte istituzionale del Centro Nazionale di Ricerca Spaziale Francese.

 

Dopo tanta ufficiosità sembra quasi inverosimile, che di un fenomeno come quello ufologico ce se ne sia occupati a livello privato e civile.

Cosa che sarebbe da considerare del tutto naturale, perché è ovvio che in un vasto universo come il nostro non possiamo essere i soli esseri viventi intelligenti, così almeno ci definiamo, e che altrove nello spazio infinito vi sia la possibilità di altre forme di vita, probabilmente anche più intelligenti della nostra. Nella moderna astrofisica si valutano attorno a 100 miliardi i corpi celesti presenti nella nostra galassia e di galassie come la nostra ce ne sarebbero di nuovo a miliardi in un universo che si considera essere multidimensionale, che quindi non presenterebbe solo dimensioni fisiche, bensì diverse ed anche ipotizzabili in forme energetiche ed immateriali.

 

In ogni caso, tutto ciò che concerne la nostra natura, la nostra realtà e la nostra evoluzione sono aspetti e argomenti di studio, di cui lecitamente ogni popolazione ha il diritto di essere informata. Il padre dell‘ufologia moderna è l‘astrofisico americano di origine polacca Joseph Allen Hynek, inizialmente membro del "Project Blue Book“, che in seguito si dissociò per creare negli Stati Uniti negli anni sessanta il suo Center for UFO Studies, insieme ad altri colleghi, centro si studi privato, al quale si dedicò fino alla sua morte avvenuta nel 1986.

 

In Italia esiste da ca. 40 anni il CUN (Centro Ufologico Nazionale), ente privato di ricerca ufologica.

Nella Svizzera Italiana esiste dal 1995 il CUSI (Centro Ufologico della Svizzera Italiana), ente privato anch‘esso, di cui è presidente la scrivente. Lottiamo con impegno costante per un‘adeguata informazione ufologica in una Svizzera che, in questo senso, non si impegna minimamente.

 

Un grande riconoscimento va sicuramente dato alla libera Repubblica di San Marino, dove non esiste il cover-up o il debunking (depistaggio dell‘informazione ufologica) e che nel 1998 ha presentato formalmente un appello all‘ONU, di cui ora ve ne diamo il contenuto:


In rappresentanza di 16 diversi paesi, i delegati del 6° Simposio Mondiale sugli UFO apertosi a San Marino sotto l‘egidia della Repubblica del Titano hanno redatto una "Carta di San Marinoche richiede al Governo sammarinese di presentare alle Nazioni Unite una mozione sollecitante "la costituzione di un‘agenzia o dipartimento delle Nazioni Unite per affrontare, coordinare e divulgare i risultati della ricerca sugli oggetti volanti non identificati e fenomeni connessi, come già suggerito dalla decisione 33/426 adottata durante l‘87° meeting plenario dell‘Assemblea Generale il 18 dicembre 1978, in conseguenza all‘azione della Delegazione di Grenada“. 


Infatti 20 anni fa l‘azione di quest‘ultimo Stato fu bloccata poco prima dell‘Assemblea Generale che avrebbe dovuto istituzionalizzare la proposta per un colpo di stato che coinvolse il paese caraibico. L‘iniziativa potrebbe essere formalmente ripresa a attuata dalla Repubblica di San Marino.


I ricercatori hanno convenuto


a)    sulla possibile natura tecnologica non-terrestre degli avvistamenti UFO dell‘ultimo mezzo secolo

b)   sul crescente interesse del pubblico in tutto il mondo su quest‘argomento

c)    sulla necessità di uno studio scientifico interdisciplinare aperto a carattere civile ed internazionale

 

Putroppo con la carta di San Marino non hanno potuto essere realizzati gli obiettivi prefissi, perché l‘intera questione ufologica rimane assurdamente legata alle attitudini dei servizi segreti.

 

 

 

Ma chi tenacemente persiste in una lotta per la verità basata sull‘intelligenza, sulla non-violenza e sul desiderio di portare a conoscenza delle gente comune fatti difficili da comprendere, quanto meravigliosi, la cui natura non è di origine terrestre, avrà infine la meritata vittoria.

 

Candida Mammoliti

su Goodlyswiss novembre 2011 

 

cusi@ticino.com

 

 

La presidente del CUSI Candida Mammoliti
La presidente del CUSI Candida Mammoliti

Incontro su temi extraterrestri a Bonn con Candida Mammoliti

presidente del Centro Ufologico della Svizzera Italiana:

 

LA SVOLTA È PROSSIMA.

ALL'UMANITÀ OCCORRE UN CAMBIAMENTO DI COSCIENZA

 

Lugano - «La Germania sui temi "extraterrestri" è molto più erudita e organizzata rispetto alla Svizzera».

Lo afferma Candida Mammoliti presidente del CUSI – Centro Ufologico della Svizzera Italiana dopo la recente esperienza, breve ma intensa, di un recente soggiorno a Bonn dove è stata ospite d'onore nell'incontro pubblico del 28 ottobre organizzato dalla ricercatrice Cristina Aldea.

L'intervento della relatrice invece di durare i consueti sessanta minuti è andato oltre le due ore e trenta. Come spiega a Goodlyswiss, anche con una sottile nota di amarezza, Candida Mammoliti:

«La mia relazione ha suscitato un interesse tale mai riscontrato in sedici anni di attività in Svizzera».

I tedeschi attendevano notizie aggiornate sulla Svizzera?

«Sì, volta terminata la mia relazione, non smettevano di fare domande perché non conoscevano la situazione in Svizzera ed erano curiosi di sapere da una fonte diretta quello che accade qui da noi».

E cosa accade qui?

«È bene ricordare che da giugno ad oggi ci sono state segnalate tantissime presenze non identificate per oltre 200 oggetti, e questo solo in Canton Ticino. Sul sito del Cusi si trovano alcune delle testimonianze più importanti».

In generale la popolazione svizzera è sufficientemente informata di questi fenomeni?

«Credo di no, nonostante qualche trasmissione o articolo ne dia conto ogni tanto. Questo mi porta all'altro tema trattato a Bonn, quando ho esteso la mia presentazione su argomentazioni ormai attualissime come i cerchi nel granoe l'avvicinarsi del 21 12 2012. Hanno ascoltato molto volentieri e hanno gradito il modo "gentile" di esporre un fenomeno così complesso che in certi casi fa anche un po' paura».

 

UN PASSAGGIO CRUCIALE - SEMPRE PIÙ TELEPATICI

 

Sì, infatti anche se in modo sarcastico o scaramantico, la gente comune cita sempre più spesso questa data...

«Il 2012 deve indurre alla riflessione, tutti noi, sugli avvenimenti che stanno accadendo e su questo periodo che sicuramente sarà cruciale per noi umani. Sarà più che altro un momento di passaggio di qualità di vita, di presa di coscienza, di cambiamento mentale, spirituale, che potrà andare a braccetto con fenomeni cosmici di grande portata. Ripeto, la cosa più importante e lo si capisce anche dallo studio dei cerchi nel grano, di cui appunto ho parlato, è il cambiamento di coscienza di cui necessitiamo».

Questo salto di coscienza, di consapevolezza è determinante per arrivare al Buon Vivere di tutti gli umani, piuttosto predisposti finora, per la loro natura ottusa e violenta, al mal vivere che coinvolge gli Animali, la Natura, la Terra. A che serve osservare gli ufo o disquisire sui cerchi di grano se questi eventi non ci portano a un cambio di vita, delle nostre abitudini e di mentalità?

«Devono essere visti proprio in questa ottica di cambiamento. E a proposito di nuova mentalità, quello che mi ha fatto veramente pensare a Bonn è l'apertura che ho notato nelle persone con cui ho parlato, probabilmente dovuta al fatto che in Germania da decenni esistono organizzazioni ufologiche ben strutturate, con ricerche condotte seriamente e una banca dati con oltre 2090 iscrizioni (cioè le segnalazioni di ogni avvistamento n.d.r.), tra cui anche alcuni provenienti dalla Svizzera. La loro apertura ci ha portato infine a parlare anche di facoltà umane in fase di ampliamento».

Quali facoltà?

«La telepatia, ad esempio, fenomeno vecchio quanto il mondo. A Bonn si è detto chiaramente che l'evoluzione che noi stiamo per vivere potenzierà queste capacità telepatiche noi tutti abbiamo perché fanno parte della nostra natura. Questa espansione di coscienza, anche attraverso la telepatia, sarà parte integrante del processo evolutivo: ci sono cerchi nel grano che indicano l'infiltrazione delle particelle solari nella nostra ionosfera di conseguenza una modifica del nostro DNA. Questi sono messaggi che traspaiono dalle formazioni nel grano sui quali tutti dobbiamo riflettere... ».

Per questo sono fondamentali gli incontri pubblici informativi, come quello di Bonn.

«Certo, serve informazione seria e aperta a tutti. A Bonn, dove sono stata accolta con molta gentilezza e calore umano. Mi aveva invitata la studiosa Cristina Aldea dottoressa in matematica che ha fatto parte del gruppo AAS - Ancient Astronaut Society, Grazie a lei ci sono conferenze ogni mese, aperte al pubblico, cosa che da noi non avviene».

Il Cusi fa il suo congresso ricevendo molto pubblico.

«Facciamo quel che possiamo, un grande congresso ogni due anni e qualche incontro pubblico durante l'anno; fra qualche mese faremo un convegno sul 2012. Il tutto sempre grazie allo spazio che ci concede da sempre il Municipio di Paradiso, che colgo l'occasione di elogiare pubblicamente dalle pagine di Goodlyswiss».

 

Annamaria Lorefice

Lugano – 6 11 2011

 


 

Tratto dal sito: http://web.ticino.com/cusi/

 

GLORIA AGLI UFO NELL'ALTO DEI CIELI


di Candida Mammoliti

Una notizia „travolgente" ha fatto negli ultimi giorni di novembre in poco tempo il giro del mondo. „Gli UFO esistono e come! Sono addirittura molti e potrebbero attaccare da un giorno all'altro il nostro pianeta!"

A sostenerlo sono il presidente americano G. Bush e l'ex-ministro della difesa canadese Paul Hellyer, che tra il 1963 ed il 1967 partecipava alle rinunioni a porte chiuse dell'Alleanza Atlantica ed era in particolare al corrente dei segreti del NORAD - il comando aereo americano-canadese che veglia su ogni movimento sui cieli del Nordamerica - ma finora non aveva mai parlato con tanta chiarezza, dicendosi a più riprese convinto dell'esistenza degli UFO.

Grazie signori, lo sapevamo da tempo, evidentemente le porte non si chiudevano bene durante le vostre riunioni segrete e qualche fuga di notizia è riuscita a farsi strada da sola, ma ora che l'avete dichiarato pubblicamente, nulla sarà più come prima! Avevamo proprio bisogno delle vostre affermazioni, come un bel regalo di Natale. Peccato che ciò avvenga in concomitanza con il rilancio dello „scudo stellare" e dei preparativi USA per la difesa intergalattica. Almeno questo è quello che sostiene George Bush…

Ci scusi signor presidente Bush, ma ci potrebbe spiegare dove è l'aggressione aliena? 

Forse è da cercare nel buco nell'acqua che la sua politica e gestione economica ha fatto nelle casse dello Stato americano e nel fatto che a persone come lei, nonché al suo staff, siano tanto cari gli armamenti ed i miliardi di dollari investiti ogni settimana nella produzione di materiale bellico (basti pensare, che ogni giorno gli USA spendono oltre l miliardo di dollari!!! per sostenere il loro esercito). Cosa c'è di meglio, per rilanciare l'economia efficientista e l'immagine di una America al di sopra di ogni sospetto, sempre impeccabile nella difesa dei valori della democrazia, dei diritti umani e della libertà, che un bel progetto militare da preparare per chiudere in bellezza quest'anno, pieno di crimini di guerra in Iraq, di crescente povertà negli stessi USA, di tagli ai loro sostegni sociali ed altri „brillanti" risultati di un malgoverno ignorante quanto ipocrita, nel presentare al mondo la più autentica tra le verità, cioè che gli extraterrestri esistono, ma che sono dei cattivi mostriciattoli da abbattere con ogni nostro mezzo tecnologico (chissà quanto importa agli alieni della nostra tecnologia…) e di darci il rassicurante bacio della buonanotte, cullandoci nei muscoli virili „alla Schwarzenegger" e nell'idolo intramontabile americano di essere i „poliziotti del mondo"?

Grazie signor presidente, noi in compenso potremmo regalare a lei ed al suo collega Paul Hellyer un bel paio d'occhiali per vederci meglio, ad esempio riguardando gli archivi militari USA, dove sono depositati i documenti del „Project Blue Book", progetto di studio sugli UFO portato avanti dall'USAF (United States Air Force) già negli anni 60 e in seguito accantonato con la motivazione, che „GLI UFO NON COSTITUSCONO UNA MINACCIA PER LA SICUREZZA NAZIONALE E MONDIALE".

D'altronde ciò non ci stupisce. Perché gli extraterrestri dovrebbero prendersela con noi? In base a tutto ciò che è la storia antica relativa alla questione extraterrestre, nonchè l'attuale realtà ufologica, possiamo solo dedurre, che abbiano certamente di meglio da fare che dichiarare guerra a ca. 6 miliardi di individui per lo più confusi, indaffarati a far denaro o carriera, che procreano nella maggior parte dei casi senza aver capito il senso della loro vita e che l'altro ieri hanno smesso di togliersi le pulci da sotto le ascelle, uscendo dalle caverne preistoriche (almeno secondo Darwin), mantenendo ancora il dannato vizio di usare la clava per darsele vicendevolmente.

Signori, ne siete voi gli esempi migliori! Siamo in molti ad essere stolti, ma vi prego, non fate di tutte le erbe un fascio, c'è chi si sta svegliando dal torpore protostorico e non crede alle vostre palle prenatalizie! Dove troverete altre Torri Gemelle da attacare per giustificare le vostre grandi imprese militari, questa volta contro gli alieni? Avete trovato le tracce di qualche loro attacco effettuato con armi laser o qualche altra diavoleria sbalorditiva? Sarebbe inoltre opportuno ricordare, che sono finiti i tempi dell'imperialismo romano, macedone o quant'altro ed i nazisti non l'hanno fatta franca, tirandosi la palla sul piede con le loro stesse crudeltà. Badate a non ripetere gli errori della storia!

Fonte: CUSI - Centro Ufologico della Svizzera Italiana. Trovi tutto in:  http://web.ticino.com/cusi/

 

La notizia

PAUL HELLYER ALL’UNIVERSITÀ DI TORONTO: «È COMINCIATO TUTTO NEL 1947...»
Bush contro gli Ufo: dalla base Luna una guerra segreta
Un ex ministro canadese rivela: «Gli Usa stanno preparando la difesa intergalattica»

NEW YORK. Gli Ufo volano da oltre mezzo secolo in totale libertà sui cieli del nostro pianeta, il governo degli Stati Uniti sviluppa armi segrete per fronteggiare possibili attacchi provenienti dal cosmo, da un giorno all'altro potrebbe scoppiare una guerra intergalattica e il vero motivo per cui è stato ordinato alla Nasa di realizzare una base sulla Luna entro il 2020 è la volontà della Casa Bianca di monitorare da vicino i velivoli extraterrestri che vanno e vengono dalla Terra. Non si tratta della trama di un libro di fantascienza ma di quanto ha affermato Paul Hellyer di fronte a un pubblico di studenti all'Università di Toronto durante un simposio sulla «Exopolitics». 

In quanto ex ministro della Difesa ed ex vicepremier del Canada, Paul Hellyer tra il 1963 e il 1967 partecipava alle riunioni a porte chiuse dell'Alleanza Atlantica ed era in particolare al corrente dei segreti del Norad - il comando aereo americano-canadese che veglia su ogni movimento sui cieli del Nordamerica - ma finora non aveva mai parlato con tanta chiarezza, pur dicendosi a più riprese convinto della loro esistenza. 

Senza svelare le fonti delle proprie informazioni Hellyer ha esordito affermando che «gli Ufo sono reali al pari degli aerei che volano sopra le nostre teste» e ha ammesso di essere «davvero preoccupato per le conseguenze di una guerra intergalattica che potrebbe scoppiare in qualsiasi momento». A suo avviso gli Stati Uniti vennero a conoscenza dell'esistenza degli Ufo nel 1947 allorché cadde su Roswell, in New Mexico, quello che molti testimoni descrissero come un «disco volante» prima delle smentite arrivate a pioggia dai militari di Washington. 

«Il livello di segretezza relativo a quanto avvenuto a Roswell è stato sin dall'inizio senza paragoni - ha spiegato l'ex titolare alla Difesa - e la grande maggioranza degli alti funzionari e dei politici degli Stati Uniti, senza contare i puri e semplici ministri della Difesa, non vennero mai informati di nulla». Solamente i presidenti degli Stati Uniti e pochi altri sarebbero dunque dal 1947 al corrente della verità sulla provenienza dei resti raccolti a Roswell e delle successive scoperte fatte nella base del Nevada «Area 51» sulla circolazione degli Ufo sui cieli della Terra. «Una conseguenza di queste conoscenze - ha aggiunto Hellyer di fronte a una platea che lo ha osannato come un profeta - è che gli Stati Uniti stanno preparando da tempo un particolare tipo di armamenti che potrebbero essere usati contro gli alieni e che rischiano di precipitare tutti noi in una guerra intergalattica senza aver neanche il minimo sentore di quanto sta per avvenire». 

Proprio a questo scenario sarebbe legata la decisione presa dal presidente americano, George W. Bush, all'inizio del 2004 di chiedere alla Nasa di costruire una «base sulla Luna» entro e non oltre il 2020. Sebbene Bush abbia affermato di volerla usare come trampolino per l'esplorazione umana del sistema solare l'ex ministro la pensa diversamente: «Questa installazione consentirà agli americani di osservare meglio il traffico di Ufo che si dirigono verso la Terra e poi tornano verso lo spazio e anche di colpirli e abbatterli se decideranno di farlo». Anche la nuova generazione di armi spaziali che il Pentagono sta sviluppando - il bilancio del 2005 ha previsto lo stanziamento dei primi fondi - sarebbe legata al possibile scenario di una guerra intergalattica. 

«È giunto il momento di alzare il velo di segretezza che circonda l'esistenza degli Ufo - ha terminato l'ex ministro - e di far emergere la verità affinché la gente sia messa a conoscenza di uno dei più importanti problemi che la Terra si trova ad affrontare». A seguito del discorso di Hellyer tre organizzazioni non-governative canadesi - guidate dall'Istituto per la cooperazione nello spazio - hanno chiesto alla commissione Sicurezza nazionale del Senato di Ottawa di aprire un'inchiesta sugli Ufo, convocando a deporre sotto giuramento non solo l'ex ministro ma anche i vertici dell'intelligence, i comandanti attuali e passati del Norad e i massimi esperti scientifici e militari nazionali al fine di appurare quali informazioni possieda il Canada. Le organizzazioni non-governative chiedono anche al premier Paul Martin di dare inizio al progetto «Una decade di contatti» per accompagnare la popolazione alla conoscenza degli Ufo che ci circondano.

Fonte: LaStampa.it 

 

Trovi tutto in:  http://web.ticino.com/cusi/

 

 

 

Ultimo avvistamento in Cantone Ticino

 

26 giugno 2011 - Monte Ghiridone

 

Trovi tutto in:  http://web.ticino.com/cusi/

PiacerEtica informa

Cosa ne dice la dott.sa Michela De Petris?

Michela De Petris, Medico chirurgo e nutrizionista all'Ospedale San Raffaele di Milano

LA DOTT.A DE PETRIS VA AL RISTORANTE... Leggi tutto a pag. 2 Ristoranti


LA MESSA  IN SCENA DELLA LUCE NON SI FERMA DI FRONTE ALLE ALPI

 

Per il suo 150° anniversario, il Club Alpino Svizzero (CAS) lascerà mettere in scena l’illuminazione di 25 delle sue capanne da un artista della luce... Leggi tutto nei COMUNICATI STAMPA 

 

 

 

 


 

Leggi tutto a pag.6 Ecopress

Dopo la trasmissione de La 7 del 12 ottobre 2012 su INQUINAMENTO LUMINOSO e OPERAZIONE CIELI BUI

 

@Mail aperta: “C’era una volta Enrico Vaime”

 

Cortese Signor Enrico Vaime,

 

 

che shock! Da un uomo intelligente e fine intellettuale quale è lei, non mi sarei mia aspettata... Leggi tutto a pag 6 Ecopress

 

UNA CASA PASSIVA, BIOECOLOGICA, CLASSE A...

SENZA VENTILAZIONE CONTROLLATA. È POSSIBILE?


di Luca Giordano, ingegnere, Lugano

Leggi tutto a pag 4 Casa sana


"HO PENSATO A UNA COSA BRUTTA... INVECE ERA SOLO UNA VEGANA"

 

Con here YES VEG ai festeggiamenti del sito www-ch-ti.ch 

La serata si è svolta nell'elegante Albergo Faido, dove Goodlyswiss il sito sostenitore dell'iniziativaYES VEG, ha raccolto qualche divertente e insolito commento tra gli astanti... Leggi tutto  apag. 6 Ecopress

 


OGGI CHIUNQUE PUÒ PERMETTERSI L’ACQUA SANITARIA RISCALDATA DAL SOLE


Grazie alle agevolazioni fiscali, ai contributi di promozione e alle spese di riscaldamento inferiori, un impianto solare si ammortizza spesso da sé. E il sole non manda bollette... Leggi tutto a pag. 4 Casa sana

 

 

Su Gheddafi

 Precisazione: citiamo "Gheddafi" nei nostri articoli qui sotto, ben sapendo che tutto è possibile, e che semmai venisse fuori fra qualche tempo che si trattava di persona diversa, il contenuto non cambierebbe, di chiunque fosse il corpo. 

 

Ancora su Gheddafi

UN RETTANGOLINO DI TROPPO.

MI PIACE? Di Annamaria Lorefice Leggi tutto a pag. 6 Ecopress

 

GHEDDAFI E LA MACELLERIA MEDIATICA. Di Nicola Colotti  Leggi tutto a pag. 6 Ecopress

www.ch-ti.ch


Intervista a Roberto Bosia 


"Desideriamo essere un supporto comunicativo per chi opera a favore del prossimo..." 

Leggi a pag. 6 Ecopress

 

11 11 2011 

All'Albergo Faido

IL GRANDE EVENTO DELLA TESTATA ON LINE 

www.ch-ti.ch 

 

Leggi in Comunicati stampa


 

 

DAGLI ADDOSSO AI GENITORI VEGANI: I MEDIA DANNO UNA MANO. NELLA DIREZIONE SBAGLIATA

Un articolo su Ticinonline parla dei pericoli dell'alimentazione vegana, riportando il "caso" di un bambino vittima di una coppia di genitori "scellerati" vegani... Leggi tutto a pag. 6 Ecopress

18 MILIONI GLI ANIMALI SALVATI DALLA VIVISEZIONE CON UN IMPEGNO CHE PARTE DAL CANTON TICINO Leggi tutto a pag.6 Ecopress

CAMBIARE? SI PUÒ. QUATTRO SPECIALISTI LO HANNO DIMOSTRATO IN UN CONVEGNO SULL'ALIMENTAZIONE A LUGANO

 

Lugano (15 ottobre 2011) - Un'ovazione ai quattro specialisti di alto livello scientifico – Massimo Tettamanti, Michela De Petris, Luciano Proietti e Luisa Mondo - che hanno conquistato il pubblico presente nell'Anfiteatro dell'Università della Svizzera Italiana. Arguti nel presentare i dati, efficaci nel fornire soluzioni chiare a quanti desiderano cambiare abitudini alimentari per il benessere del Pianeta e per il proprio... Leggi tutto a pag. 6 Ecopress

 

UNIAMOCI TUTTI CONTRO LA VIVISEZIONE

 

FIRMIAMO QUI CONTRO L'ORRORE

 

IL CASALINGO

I MASCHI DEL 2000?

SARANNO DEI PERFETTI

CASALINGHI

 

Ecopress

 

Diventare Vegan? Un facile percorso per capire il perché, ma soprattutto il COME di questa scelta! 

www.vegfacile.info/