CENA VEGANA ALL'ESPLENADE DI MINUSIO

Diventare vegan è forse uno dei passi più importanti da fare per cambiare in meglio il mondo: si salvano animali, l’ambiente, si combatte la fame nel mondo e si migliora la propria salute.

Non si può più restare indifferenti all’aumento dei gas serra e all’inquinamento del pianeta: scegliendo con la testa il cibo che mettiamo sulle nostre tavole, contribuiamo in modo significativo a migliorare l’ambiente in cui viviamo e al tempo stesso la nostra salute.

Fedele alla sua tradizione di ristorante dal menù ricco di cibi naturali, in armonia col rispetto dell’ambiente, il Ristorante La Belle Epoque dell’Esplanade Hotel Resort & Spa del Ticino Hotels Group invita a provare il 10 giugno la Cena Vegana “Cara Terra”.Foto Cena Vegana Esplenade

Situato in un tranquillo quartiere residenziale di Locarno, sulla sponda nord-ovest del Lago Maggiore, l’hotel gode di un ambiente naturale unico, caratterizzato da un clima mediterraneo. Qui crescono piante e fiori rigogliosi, dalle palme alle camelie, fino ai limoni. Tutto ciò, unitamente al lago e all’immediata vicinanza dell’Italia, arricchiscono il fascino del luogo

 

Prenota il tuo posto alla tavola innovativa e coraggiosa! Costo della cena CHF 55,00


Per prenotazioni rivolgersi all’ Esplanade Hotel Resort & Spa al numero di telefono 91 735 8585 o per email all’indirizzo info@esplanade.ch 



 

Goodlyswiss 4 giugno 2015 

“OSTERIA LUGANO”, UN LUOGO ROMANTICO PER CHI VUOL GUSTARE PIATTI VEGAN SULLA SPONDA DEL LAGO, A MORCOTE – lista YES VEG

 

L’Osteria Lugano, situata a Morcote, davanti al lago, è un luogo molto accogliente, con una terrazza sul lago che non ha un tetto, ma un tappeto vegetale formato dagli intrecci di una glicine bianca che in primavera dà spettacolo: un posto dove ci si sente a casa da subito, appena messo un piede dentro la porta, grazie al sorriso e all’entusiasmo di Mattia Antognini, dove è un vero piacere gustare bibite e pietanze, ammirando il gradevole panorama e sentendo il piacevole suono dell’acqua del Ceresio.

 

 

La scelta dei prodotti rispetta una filosofia stagionale, oltre alla ricerca di materie prime e ingredienti che siano il meno possibile legate ai brand industriali, a favore di prodotti di coltivazione diretta, legati al territorio e, in qualche modo, di nicchia .

 

L’Osteria Lugano concede un ampio spazio alle proposte culinarie vegan-friendly, ponendo alla base della propria filosofia il rispetto per tutte le tipologie di clienti, cosicchè nessuno si senta in minoranza: ogni giorno è possibile gustare delle ottime scelte di cucina Veg, dall’antipasto al dolce, e molto spesso l’Osteria organizza delle serate e degli eventi culinari interamente dedicate alla cucina Veg: ampio spazio è riservato anche alle proposte per clienti celiaci, perchè tutti possano sentirsi a casa propria all'Osteria Lugano.

 

Riveta DA la Tor 6, 6922 Morcote

091 996 11 83

Chiuso il mercoledì

 

Riapre il 17 febbraio 2014

 

 

 

Goodlyswiss 10 gennaio 2014

 

PRESENTATA LA CAMPAGNA DI ADESIONI YES VEG 2014

APERO VEG DEL CLUB TICINO VEGANO “AL NOS MANGEE”

 

 

 

Aperitivo vegano s’inserisce nella tradizione della Val Leventina. Il 23 ottobre il Club Ticino Vegano ha presentato il suo APERO VEG agli ospiti - per la più parte giornalisti, ristoratori ed esponenti del mondo gastronomico e turistico ticinese - intervenuti alla conferenza stampa per la presentazione della 2° edizione di “Al nos Mangee” – Incontro gastronomico 2013.

Annamaria Lorefice responsabile di Piaceretica  ha spiegato gli scopi dell’iniziativa YES VEG rivolta ai ristoratori sollecitandoli a riflettere sull’opportunità di saper accogliere anche gli eventuali clienti vegani, una nicchia di mercato ritenuta irrisoria, eppure esistente e in continua espansione.

Si tratta di conoscere a livello professionale un altro modo di alimentarsi, i relativi piatti – semplici da eseguire – e come pubblicizzare le vivande offerte: non si tratta di un aggravio bensì di un arricchimento della ristorazione tradizionale e per il locale che aderisce a YES VEG.

 

Lorefice ha spiegato altresì le finalità del Club Ticino Vegano: aperto anche a vegetariani e onnivori che volessero avvicinarsi al mondo Veg.

 

Un ringraziamento meritato è andato all’organizzatore dell’evento “Al nos  Mangee” e della conferenza stampa, Roberto Bosia, che con spirito sempre lungimirante e innovativo ha voluto inserire in questo incontro svoltosi a Chiggiogna (Val Leventina) uno spaccato alternativo attraverso la degustazione di spuntini vegan: mini tramezzini, bruschettine e altri preparati con paté, formaggini, maionese, salamini, wurstel… tutto completamente vegetale.

 

By Piaceretica

 

Goodlyswiss 29 ottobre 2013 

 

 

 

NEL VERDE DI AZZIO (VA), AZIENDA AGRICOLA E AGRITURISTICA TERRA LIBERA, CON MENU VEGANO

 

RISTORAZIONE – Agriturismo – Varesotto - Nalini è la titolare dell’Azienda Agricola e Agrituristica Terra Libera: qui i vegani sono accolti con piacere, e …con piacere gusteranno tanti buoni piatti.

L’agriturismo di Nalini si trova nel verde e lontano dai rumori.

Nalini, sei stata fortunata a trovare un luogo come questo a due passi anche dal Canton Ticino…

«Sì, siamo nel bellissimo contesto naturale nel comune di Azzio, in provincia di Varese, a 15 minuti dal Lago Maggiore, quindi raggiungibile anche dai ticinesi. Ho voluto che il nostro ristoro fosse intimo e familiare».

Quando possono venire i vegani ticinesi a mangiare qui?

«Siamo aperti dal giovedì alla domenica, su prenotazione. Offriamo un menu ricco di piatti prelibati e ricette originali, in armonia con la stagionalità dei prodotti ed ispirate dalla ... creatività dei cuochi!».


Dove abbiamo mangiato: Agriturismo Terra Libera, Via Campi Lunghi, Azzio, Varese.www.terralibera.it 

Per informazioni e prenotazioni 

+39 346 2893392 e-mail: naliyoga@gmail.com

 

 


 

Topinambur, golosità di stagione
Topinambur, golosità di stagione

NATALE, FESTE: NELL'AGRITURISMO TERRA LIBERA DI NALINI,

TUTTO DIVENTA PIÙ PROFONDO...

 

RISTORAZIONE - Agriturismo-  Varesotto - Eccoci ad Azzio nel delizioso ristorante  di Nalini, sito nell'Agriturimo Terra Libera con tanto di orto e giardino. 

Riflessione sul Natale: cos'è personalmente per lei?

«Ora che la mia vita ha preso una direzione nuova, verso il crescente rispetto della natura interiore ed esteriore, penso che il Natale sia il momento di celebrare dentro di noi la rinascita di una nuova coscienza, della nostra natura splendente e pura. Se dentro di noi possiamo riscoprire questa qualità, potremo manifestarla anche al di fuori di noi e nelle relazioni con tutte le espressioni di vita di questo pianeta».

Il pranzo di natale: cosa prepara Nalini per gli amici Vegani?

«A Natale prepariamo per tutti un pranzo gustoso ed in particolare l'insalata russa vegana con semi di girasole, candeline farcite al butto di soia, risotto al melograto e sformato al topinambur».

Annamaria Lorefice

 

 

Dove abbiamo mangiato:Agriturismo Terra Libera, Via Campi Lunghi, Azzio, Varese.www.terralibera.it 

Per informazioni e prenotazioni 

+39 346 2893392 e-mail: naliyoga@gmail.com 

 

 



 

Nalini, la sua cucina è una cuccagna per vegani e non.
Nalini, la sua cucina è una cuccagna per vegani e non.

NALINI, UNA RISTORATRICE SEMPRE IN AZIONE

PER IL MASSIMO PIACERE (ETICO) DEI VEGANI

 

 

RISTORAZIONE – Agriturismo – Varesotto - Nalini, come procede la preparazione dei suoi piatti vegan?

«E' presto detto, uso gli ingredienti a disposizione, ossia verdure, legumi, farine, latte di riso e soia e creo piatti semplici e naturali».

L'ultimo piatto vegan che ha preparato e offerto ai suoi ospiti?

«Ultimamente ed in modo spontaneo i nostri menu sono quasi completamente vegani; grande successo ha avuto la panna cotta alla vaniglia, preparata con latte di mandorle, panna di soia, vaniglia naturale ed agar-agar come addensante. Un tocco di cannela e.. voilà!».

Basta così, la prego, questi dessert sono irresistibili. In merito ai suoi menù vegan, qual 'è il commento che l'ha maggiormente soddistatta?

«In questa stagione offro spesso la versione vegana della Cassöla, tipico piatto lombardo. Tutti rimangono piacevolmente colpiti e spesso ne portano un po' a casa per farla assaggiare agli amici. Di recente un cliente l'ha ribattezzata "Casoia", ed è tutta vegana!».

Secondo lei c'è un lato immaterialenell'offerta dei piatti al prossimo, anche se c'è di mezzo un'attività commerciale?

«L'attività commerciale è solo uno strumento da utilizzare eticamente per diffondere ben più di semplice cibo. L'atteggiamento con il quale si cucina, l'ambiente nel quale si cucina e l'intuizione di cosa cucinare sono fondamentali, e vi assicuro che cucinare con buone vibrazioni di musica ispirante e con persone armoniose, oltre che con ingredienti semplici e naturali, lascia una traccia energetica che ogni cliente percepisce. Se osservo i miei clienti all'arrivo e alla fine della cena, non è raro cogliere sguardi felici ed uno stato di rilassatezza e piacere per essersi sentiti coccolati. Mangiando cibo naturale, gustoso ma leggero quindi altamente digeribile si fa l'esperienza di ritrovare l'energia vitale invece che perderla in lunghe e difficili digestioni».

Annamaria Lorefice

 

Dove abbiamo mangiato:Agriturismo Terra Libera, Via Campi Lunghi, Azzio, Varese. www.terralibera.it 

Per informazioni e prenotazioni 

+39 346 2893392 e-mail: naliyoga@gmail.com

 

 

 

Il primo ristorante here YES VEG in Canton Ticino
Il primo ristorante here YES VEG in Canton Ticino

 

 

3 - ristoranti carnivori dove è possibile mangiare Vegan su richiesta

 

Ristorante Marisa, Faido è here YES VEG

  

In particolare, oltre a piatti di verdura al vapore, potrete gustare una varietà di sorbetti di frutta realizzati dalla titolare e davvero gustosi.


Aperto tutta la settimana: ore 8'00 - ore 24'00



Mercoledì giornata di riposo settimanale


Manuela e Roberta vi aspettano numerosi.

Via Canton Uri 22 b - 6760 Faido

Tel 091/866.32.95 –

E-Mail: osteriamarisa@bluewin.ch

 

Il primo ristorante a diventare here YES VEG classe 3 in Canton Ticino. La classe 3 indica che il ristorante, nonostante serva carni e pesci, conosce l'alimentazione vegana e accoglie ben volentieri clienti vegani. 

 

 

 


 

 

 


 

ANNALISA, UNA RISTORATRICE CHE NON FA LA FURBA: «TROPPO FACILE CUCINARE RIEMPENDO TUTTO DI UOVA E FORMAGGIO»

 

RISTORAZIONE – Agriturismo – Varesotto - Profumi, semplicità, consapevolezza: anche per Nalini Annalisa Bellati, ristoratrice dell'Agriturismo Terra Libera di Azzio, il piacere di mangiare è importante per il benessere delle persone.

Come è arrivata a presentare piatti vegan nel suo menù?

«Ho ritenuto molto interessante sperimentare questo tipo di alimentazione. Io vado molto a intuito e cerco di creare tanti piatti gustosi. E siccome penso che sia troppo facile cucinare vegetariano riempiendo tutto di uova e formaggio, proprio per evitare questi ingredienti, mi viene naturale includere sempre dei piatti vegani nel mio menu. Sempre, indipendentemente dagli ospiti che arrivano da me».

Anche se la sala sarà riempita di tradizionalisti o vegetariani?

«Certo. Ognuno mangia come crede, ma l'offerta vegan c'è sempre, ed è valida per tutti».

Oggi abbiamo pranzato da lei. Non abbiamo visto il tofu o il seitan...

«Sì, infatti i prodotti di questo tipo li uso poco. Per esempio il seitan ha il glutine che, a me per prima, non va, e perciò lo uso solo ogni tanto. Preferisco la soia, malgrado a volte venga un po' demonizzata. Io cerco, senza demonizzare o mitizzare questi prodotti, di concentrarmi molto sui nostri alimenti tradizionali».

Una ristorazione di qualità può basarsi solo sulla soddisfazione del palato, motivo principale per il quale si va a "mangiare fuori"?

«No, occorre anche conoscere il valore nutrizionale degli ingredienti. I clienti apprezzano un pasto appetitoso e anche bilanciato, che comprenda vari nutrienti. Ne parlavamo prima: usare prodotti naturali e locali è importante per tutti. Anche, a maggior ragione, per i vegani. A volte si vedono proposte di piatti vegani con la quasi totalità degli ingredienti "già pronti", cioè industriali».

E' vero, troppi ingredienti esotici e costosi, confermano l'idea della stranezza e delle difficoltà dell'alimentazione vegan.

«Quando invece è il contrario. Perché secondo me possiamo tranquillamente stare sulle nostre cose, sulle nostre verdure di stagione, legumi e cereali. Cioè gli elementi di base che crescono da noi senza dover acquistare molte cose dall'industria. Diventano un business anche i vegani e a me personalmente questo non piace. Ne parlavamo proprio stamattina con Anna, la mia collaboratrice. Magari andiamo sui siti dedicati per avere qualche idea in più, però se ti trovi la ricetta fatta con la maionese vegana x, il prodotto vegano y, credo che ci complichiamo la vita, quando basta andare al mercato. Oppure, per chi come noi ne possiede uno, scendere nell'orto, e il più è fatto».

 

Annamaria Lorefice

 

Dove abbiamo mangiato: Agriturismo Terra Libera, Via Campi Lunghi, Azzio, Varese. www.terralibera.it 

 

QUANDO LA DOTTORESSA DE PETRIS VA AL RISTORANTE...

 

di Annamaria Lorefice

 

Lei è vegana, da quando?

«Sono molto felicemente vegana da circa cinque anni».

Perché lo è diventata?

«Sicuramente per una scelta salutistica, ma soprattutto con il cuore per una scelta etica, per evitare sofferenze agli animali».

Quale viene prima?

«Malgrado sia una medico chirurga, specialista in alimentazione e quindi a conoscenza degli effetti dannosi dell'alimentazione carnivora, per me è prioritaria la motivazione etica: il rispetto di altri essere viventi non umani».

La dottoressa De Petris va al ristorante, entra, si siede e ordina... che cosa? La quasi totalità dei ristoratori forse non sa nemmeno cosa significhi il termine "vegan".

«Vero. Tuttavia, io mi siedo al ristorante e... mangio benissimo. Vado al ristorante molto spesso, anche a Milano nella pausa si lavoro, ma anche all'estero. Mi piace farlo. Dal Brasile, che è la patria della carne, all'Indonesia, dall'Egitto al Messico, e in tutta Europa. Devo dire che me la sono sempre cavata benissimo, perché una pasta aglio olio e peperoncino la fanno dappertutto, del riso saltato con le verdure anche. Si mangia senza nessun problema ovunque. Male che vada, una bruschetta, delle verdurine fresche e un'insalata si trovano sempre».

Suscitando però la pietà degli altri per la mancanza di succulenza dei grassi animali che abbondano invece nei loro piatti...

«Mica tanto. Perché di solito i ristoratori portano sempre dei piattoni che sono veramente abbondanti e speciali. Cercano così di farsi perdonare perché magari non hanno l'alternativa che vorrebbero».

E che dovrebbero avere, specie quelli davvero professionali...

«Certo, ma ancora non è così. Il trucco è avvisarli in anticipo. Come faccio sempre io. Anche quando prendo l'aereo, prenoto prima il vassoio vegano alla compagnia aerea. Mi arrivano di quei vassoi che sono uno spettacolo, dal riso basmati saltato con le verdure, alle polpettine di soia. Fatto tutto al momento, rispetto agli altri che ricevono un piatto di carne cotto una settimana prima o dei ravioli tristissimi».

Il riso basmati non è integrale.

«Pazienza: l'importante è che sia vegano».

Mettiamo che una volta atterrata la invitino al ristorante...

«Nessun problema. Telefono al ristorante dove andremo, oppure cerco il cuoco quando entro nel locale, e dico che sono vegana spiegando bene che cosa significa. Così mi preparano un menù semplice, fatto apposta per me e che di solito riscuote sempre tantissima invidia e successo tra gli altri commensali. Per cui spesso finisce che faccio assaggiare le mie portate ed è facile che gli altri dicano "anch'io vorrei il piatto della dottoressa"...».

Annamaria Lorefice

 

Michela De Petris 

Medico Chirurgo, specialista in Scienza dell’Alimentazione e nutrizionista all'Ospedale San Raffaele di Milano. Incarico di "Medico Ricercatore in studi di intervento alimentare" fino al 2006  presso l'Istituto Nazionale dei Tumori di Milano. Membro della Società Scientifica di Nutrizione Vegetariana (SSNV) e dell'Istituto per la Certificazione Etica e Ambientale (ICEA). Esperta in alimentazione vegetariana, vegana, macrobiotica ed in ambito oncologico.

 

 

 

 

 

PiacerEtica informa

Cosa ne dice la dott.sa Michela De Petris?

Michela De Petris, Medico chirurgo e nutrizionista all'Ospedale San Raffaele di Milano

LA DOTT.A DE PETRIS VA AL RISTORANTE... Leggi tutto a pag. 2 Ristoranti


LA MESSA  IN SCENA DELLA LUCE NON SI FERMA DI FRONTE ALLE ALPI

 

Per il suo 150° anniversario, il Club Alpino Svizzero (CAS) lascerà mettere in scena l’illuminazione di 25 delle sue capanne da un artista della luce... Leggi tutto nei COMUNICATI STAMPA 

 

 

 

 


 

Leggi tutto a pag.6 Ecopress

Dopo la trasmissione de La 7 del 12 ottobre 2012 su INQUINAMENTO LUMINOSO e OPERAZIONE CIELI BUI

 

@Mail aperta: “C’era una volta Enrico Vaime”

 

Cortese Signor Enrico Vaime,

 

 

che shock! Da un uomo intelligente e fine intellettuale quale è lei, non mi sarei mia aspettata... Leggi tutto a pag 6 Ecopress

 

UNA CASA PASSIVA, BIOECOLOGICA, CLASSE A...

SENZA VENTILAZIONE CONTROLLATA. È POSSIBILE?


di Luca Giordano, ingegnere, Lugano

Leggi tutto a pag 4 Casa sana


"HO PENSATO A UNA COSA BRUTTA... INVECE ERA SOLO UNA VEGANA"

 

Con here YES VEG ai festeggiamenti del sito www-ch-ti.ch 

La serata si è svolta nell'elegante Albergo Faido, dove Goodlyswiss il sito sostenitore dell'iniziativaYES VEG, ha raccolto qualche divertente e insolito commento tra gli astanti... Leggi tutto  apag. 6 Ecopress

 


OGGI CHIUNQUE PUÒ PERMETTERSI L’ACQUA SANITARIA RISCALDATA DAL SOLE


Grazie alle agevolazioni fiscali, ai contributi di promozione e alle spese di riscaldamento inferiori, un impianto solare si ammortizza spesso da sé. E il sole non manda bollette... Leggi tutto a pag. 4 Casa sana

 

 

Su Gheddafi

 Precisazione: citiamo "Gheddafi" nei nostri articoli qui sotto, ben sapendo che tutto è possibile, e che semmai venisse fuori fra qualche tempo che si trattava di persona diversa, il contenuto non cambierebbe, di chiunque fosse il corpo. 

 

Ancora su Gheddafi

UN RETTANGOLINO DI TROPPO.

MI PIACE? Di Annamaria Lorefice Leggi tutto a pag. 6 Ecopress

 

GHEDDAFI E LA MACELLERIA MEDIATICA. Di Nicola Colotti  Leggi tutto a pag. 6 Ecopress

www.ch-ti.ch


Intervista a Roberto Bosia 


"Desideriamo essere un supporto comunicativo per chi opera a favore del prossimo..." 

Leggi a pag. 6 Ecopress

 

11 11 2011 

All'Albergo Faido

IL GRANDE EVENTO DELLA TESTATA ON LINE 

www.ch-ti.ch 

 

Leggi in Comunicati stampa


 

 

DAGLI ADDOSSO AI GENITORI VEGANI: I MEDIA DANNO UNA MANO. NELLA DIREZIONE SBAGLIATA

Un articolo su Ticinonline parla dei pericoli dell'alimentazione vegana, riportando il "caso" di un bambino vittima di una coppia di genitori "scellerati" vegani... Leggi tutto a pag. 6 Ecopress

18 MILIONI GLI ANIMALI SALVATI DALLA VIVISEZIONE CON UN IMPEGNO CHE PARTE DAL CANTON TICINO Leggi tutto a pag.6 Ecopress

CAMBIARE? SI PUÒ. QUATTRO SPECIALISTI LO HANNO DIMOSTRATO IN UN CONVEGNO SULL'ALIMENTAZIONE A LUGANO

 

Lugano (15 ottobre 2011) - Un'ovazione ai quattro specialisti di alto livello scientifico – Massimo Tettamanti, Michela De Petris, Luciano Proietti e Luisa Mondo - che hanno conquistato il pubblico presente nell'Anfiteatro dell'Università della Svizzera Italiana. Arguti nel presentare i dati, efficaci nel fornire soluzioni chiare a quanti desiderano cambiare abitudini alimentari per il benessere del Pianeta e per il proprio... Leggi tutto a pag. 6 Ecopress

 

UNIAMOCI TUTTI CONTRO LA VIVISEZIONE

 

FIRMIAMO QUI CONTRO L'ORRORE

 

IL CASALINGO

I MASCHI DEL 2000?

SARANNO DEI PERFETTI

CASALINGHI

 

Ecopress

 

Diventare Vegan? Un facile percorso per capire il perché, ma soprattutto il COME di questa scelta! 

www.vegfacile.info/